Mese: settembre 2015

Energy Box: le centraline dei semafori diventano opere d’arte

Energy Box - Zibe. Ph. Olivia Gozzano

Energy Box – Zibe. Ph. Olivia Gozzano

Energy Box è un’iniziativa bella da vedere e da raccontare. Forse non ve ne siete accorti tutti, ma le strade, gli incroci di Milano in questi giorni si stanno colorando grazie alla creatività di 50 artisti urbani che dipingono le centraline di controllo dei semafori. Da scatole anonime, spesso deturpate da scritte e affissioni abusive, questi contenitori di energia  prendono nuova vita e diventano tele a cielo aperto. Il paesaggio urbano, caotico e grigio, con Energy Box si trasforma in una galleria d’arte permanente che espone coppie danzanti, margherite che sbocciano colorate, sguardi ipnotici di felini, teschi e ritratti di donne e tante altre immagini sognanti, ironiche, comunque sempre sorprendenti.  Un bell’esempio di arte urbana, della sua energia e del ruolo di utilità pubblica che può esercitare in città. (altro…)

Annunci

Le borse di Bianchi e Nardi 1946: ovvero il lusso che ci piace

Bianchi e Nardi 1946

Bianchi e Nardi 1946

Una foresta pluviale ricreata nel cuore di Milano, dove le borse di Bianchi e Nardi 1946 scintillano come animali tropicali. Un caleidoscopio di colori: grigi e verde muschio, turchesi, gialli, arancioni, e poi bagliori dorati e bronzei che si modellano sui preziosi pellami esotici e disegnano eleganti pochette, agili secchielli, borse a spalla, a mano, con ampi manici. Conce al vegetale, tinte naturali, lavorazioni di alta artigianalità e poi elementi decorati a mano, chiusure gioiello in perla di pietra d’agata, cuciture realizzate con punti perfetti.
La presentazione della collezione  primavera-estate 2016 Bianchi e Nardi 1946 durante Milano Fashion Week è una magnifica occasione per apprezzare l’eccellenza del made in Italy nei suoi elementi più distintivi: (altro…)

Moscardini in umido alle erbe aromatiche con riso basmati

Moscardini in umido con riso basmati

Moscardini in umido con riso basmati

I moscardini in umido rappresentano una certezza per qualsiasi cena: piacciono a tutti e consentono quella goduria (impropriamente – secondo me –  considerata poco educata) che è la “scarpetta” col pane e il sugo rimasto nel piatto o nella padella!
Stretti parenti del polipo, si trovano tutto l’anno e costano poco.
L’unica difficoltà è il rischio che rimangano un po’ duri dopo la cottura, problema che con i totani – e i più nobili calamari – non si pone mai. Con questa ricetta però la morbidezza dei molluschi è assicurata. L’effetto sugoso la rende ideale accompagnata a purè, polenta o riso. In questo caso ho scelto di abbinare i moscardini in umido a del riso Basmati cotto al forno. (altro…)

Da Bellini a Basquiat: vedere l’arte attraverso gli occhi del migrante

Miriam, Damien Hirst, Albuminium, Human, Glycated, 1992. Ph. Alberto Scarpinato

Miriam, Damien Hirst, Albuminium, Human, Glycated, 1992. Ph. Alberto Scarpinato

Un’opera di Jean-Michel Basquiat vista attraverso lo sguardo di Carmen, signora peruviana, in Italia da sedici anni e madre di una bambina di dieci. Dopo averci presentato Tobacco versus Red Chief, Carmen racconta che il copricapo dell’indiano pellerossa le ricorda il rosso e il giallo delle Ande e i suoi giochi di bambina nel paesino d’origine.  Carmen da noi si è occupata di bambini e anziani, ma in Perù ha studiato e frequentato l’università. E’ affascinata dall’arte e dopo i saluti nella sua lingua e in italiano, ci spiega che è parte della sua vita.
Daniela invece proviene dalla città rumena di Timisoara. Si presenta come “orgogliosamente Rom”. Ha 43 anni e vive in Italia da 15. E’ una mediatrice culturale e lavora prevalentemente con le comunità Rom di Milano. Il dipinto che ha scelto per raccontare la sua storia è un’opera di Martin Jacobson intitolata Stream, Strong Light, una foresta coperta di neve che rimanda un riflesso di luce verde.
Daniela ci porta nel bosco dove viveva da bambina e dove la sua comunità rom si rifugiava dall’intolleranza degli uomini. In quel bosco, a soli tredici anni, Daniela è stata data in sposa a un ragazzo più grande, in un matrimonio combinato secondo la tradizione della sua gente. (altro…)

La moda sostenibile arriva ad Expo e nel mio piccolo ci sarò anch’io…

Moda sostenibile a Expo: i bozzetti di Simone Maculi

Moda sostenibile a Expo: i bozzetti di Simone Maculi

Non avrei mai creduto che la mia passione per la moda e in particolare l’interesse per la moda sostenibile mi avrebbe portato a Expo!
E invece sabato 19 settembre sarò a Pianeta Lombardia al Cardo – Padiglione Italia per parlare di moda consapevole e dei temi legati all’innovazione nel tessile in una tavola rotonda dal titolo: “Lombardia: the Cradle of Sustainable Fashion”, (cradle significa culla ma “cradle to cradle” indica pratiche di riciclo dei componenti all’avanguardia nei settori del tessile e dell’edilizia). (altro…)

Maialino al forno con le mele in stile Cochinillo Asado

Maialino al forno con mele

Maialino al forno con mele

Il Cochinillo Asado è un celebre piatto spagnolo originario della Castiglia, dove si prepara soprattutto dall’autunno all’inizio della primavera quando sono disponibili i maialini interi di non oltre 6 settimane che sono alla base della ricetta. Ve lo propongo in versione semplificata, cercando di mantenere la stessa consistenza e gli stessi aromi, utilizzando però  “l’anteriore” di maiale che si trova facilmente – a prezzo conveniente e durante tutto l’anno – da qualsiasi macellaio o al supermercato. Per il contorno un classico: mele verdi al forno e puré di patate.
Niente di complicato e nemmeno troppo lungo da preparare: quindi all’opera!

(altro…)

EANDARE, i gioielli da fiaba di Lucilla Giovanninetti

Lucilla Giovanninetti, anello Ripiega bordeaux e argento

Lucilla Giovanninetti, anello Ripiega bordeaux e argento

I gioielli di Lucilla Giovanninetti possiedono uno speciale magnetismo. Ti catturano per la loro bellezza ma il loro dono è che per un istante – il tempo di un lampo – ti portano altrove. In un mondo lontano, fatto di vento, colori, suggestioni, suoni. Nuvole, onde, boschi, foreste. Insomma, ti regalano l’esperienza dell’incantesimo.
Le creazioni di questa signora milanese, che dopo una laurea in lettere è stata catturata dalla passione per la moda, dedicandosi con successo prima alla produzione di abiti e accessori per poi approdare alla progettazione e realizzazione di gioielli tessili e in metallo, sono dotate di una bellezza contemporanea ma evocatrice di atmosfere fiabesche. (altro…)

Le melanzane dell’Imam Svenuto con pomodori, pinoli, miele e cannella

Melanzane dell'Imam Svenuto

Melanzane dell’Imam Svenuto

Una ricetta diffusa in Grecia ma di origine ottomana che ho trovato nei ricettari dedicati alla cucina mediterranea e mediorientale e che è nota con il nome turco di “Imam Bayildi” (letteralmente l’Imam è svenuto).  Si tratta di un piatto di melanzane farcite con un ripieno di pomodoro, cipolle, pinoli, miele e cannella. E’ molto gustoso, tanto che  secondo la leggenda, l’Imam in questione perse i sensi colpito dalla bontà del piatto cucinato dalla moglie (un’altra versione invece insinua che il religioso svenne quando si accorse dell’uso esagerato di preziosissimo olio d’oliva 🙂 ).  Anche senza perdere  i sensi comunque troverete le melanzane dell’Imam deliziose! (altro…)

La Grande Madre a Palazzo Reale: il ritratto della donna del ‘900

La Grande Madre, Gillian Wearing, Self Portrait as My Mothe Jean Gregory

La Grande Madre, Gillian Wearing, Self Portrait as My Mothe Jean Gregory. Courtesy Fondazione Nicola Trussardi

È stata inaugurata nei giorni scorsi e rimarrà in calendario fino a metà novembre a Palazzo reale La Grande Madre, mostra ideata e prodotta dalla Fondazione Nicola Trussardi con il sostegno di BNL Gruppo BNP Paribas e curata da Massimiliano Gioni, direttore della Fondazione. Un’esposizione che per ambizione, vastità e completezza si affianca ad Arts and Foods alla Triennale e che rappresenta uno dei principali eventi di ExpoCittà.
La preparazione della mostra ha richiesto due anni di lavoro nei quali sono state raccolte oltre 400 opere di 139 artiste, artisti scrittori e registi internazionali insieme a documenti e ad altre testimonianze figurative provenienti da una ventina di musei nel mondo oltre che da fondazioni, archivi, collezioni private e gallerie. L’allestimento di duemila metri quadrati al piano nobile di Palazzo Reale, si articola in 29 sale secondo un ordinamento tematico e cronologico. La mostra non prevede audioguide ma la disponibilità di una brochure di 70 pagine in dotazione con l’acquisto del biglietto assolutamente esaustiva riguardo ai temi, gli artisti e sulle opere esposte. La scelta dei curatori è stata quella di una narrazione didascalica che dà ordine a un tema di vastità enciclopedica. La Grande Madre si propone come un percorso a tappe che esplora il tema della maternità e della condizione femminile nell’ultimo secolo attraverso l’arte e la storia dell’arte e raccontando l’evoluzione della donna nella società occidentale.  (altro…)

My Room Vintage: shopping nel guardaroba della stylist

My Room Vintage

My Room Vintage

La scoperta di un posto speciale in via San Maurilio, una delle vie ancora un po’ segrete del centro di Milano. Sono entrata da My Room Vintage, incuriosita da una serie di borse in tessuto dai mille colori e mi sono trovata in uno spazio senza tempo, una sorta di stanza della nonna, con i telefoni in bachelite appoggiati sopra valigette di cuoio, le scarpe da sera disposte per colore, candide camicie di Gucci con i volants, elegantissimi cappottini color senape… ma anche la stanza di una giovane globetrotter, con i capi glitterati e le borse optical di French Connection, brand inglese easy chic. (altro…)