esposizione

La camicia bianca secondo Ferrè: la mostra a Milano a Palazzo Reale

OK_IMG_7390

La camicia bianca secondo Ferré

Un palcoscenico grandioso come la Sala delle Cariatidi per mettere in scena ventisette sculture bianche di luce. Ventisette opere d’arte, perfette nel loro biancore. Sono le ventisette camicie bianche di Gianfranco Ferré, in mostra a  Milano, a Palazzo Reale, dal 10 marzo al primo aprile 2015. Un’esposizione che racconta e insegna lo straordinario percorso creativo di un grande della moda italiana, il metodo progettuale e il rigore intellettuale con il quale lo stilista, scomparso nel 2007,  ha inciso un segno indelebile nella storia del nostro costume.

(altro…)

Annunci

La mostra più bella di Venezia è per la Divina Marchesa

IMG_20141205_142624
La mostra più bella di Venezia va in scena a Palazzo Fortuny ed è dedicata alla marchesa Luisa Casati, una donna straordinaria che affascinò D’Annunzio e con le sue follie divenne la musa dei più grandi artisti del suo tempo: da Boldini a Bakst, da Marinetti a Balla, da Man Ray ad Alberto Martini, da Van Dongen a Romain e Brooks. Ci sono stata nei giorni scosti e ne sono rimasta affascinata.  (altro…)

100 anni di Eicma: il Vernissage all’Hangar Bicocca


IMG_20141104_205801
Cento anni di storia e di passione raccontati attraverso i manifesti pubblicitari delle sue settantadue edizioni.
Eicma, l’esposizione mondiale del motociclismo che si svolge dal 6 al 9 novembre alla Fiera di Milano Rho, ha celebrato il suo centenario attraverso un vernissage allestito nei grandi spazi di Hangar Bicocca.

CLICCA SULLA GALLERY PER INGRANDIRE LE IMMAGINI


Una location ideale, per una serata che ha mixato tradizione e storia, passione e divertimento. Ciliegina sulla torta (è il caso di dirlo)  l’esibizione della sand artist Gabriella Compagnone che, accompagnata del gruppo musicale Note di Sabbia, ha incantato il pubblico con le sue storie di impalpabile poesia.

I MANIFESTI DI EICMA: LA GALLERY

 

Saperne di più

Il sito di Eicma: http://www.eicma.it

La gallery dei manifesti dell’esposizione 1914-2014
http://www.eicma.it/gallery/eicma-1914-2014/

Gabriella Compagnone
http://www.gabriellacompagnone.it

Gallerie d’Italia: che bella l’arte gratis a Milano

Alzino la mano quanti di voi conoscono le Gallerie d’Italia. Io stessa le ho scoperte per la segnalazione di un’amica che mi raccomandava caldamente la visita. Si trovano nel cuore di Milano, in Piazza della Scala 6. Sono un gioiello, uno spazio espositivo bellissimo che racchiude centinaia di capolavori dell’800 e del ‘900 appartenenti alle collezioni d’arte della Fondazione Cariplo e di Intesa San Paolo. Sono state inaugurate nel 2011, in seguito a un progetto culturale  che comprende anche due “Gallerie” a Vicenza e a Napoli.
Eppure a Milano lo sanno in pochi. (altro…)

Abiti da Lavoro: la mostra sul lavoro che non c’è

Non mi era mai successo di visitare una mostra e di sentirmi a disagio. E’ successo alla Triennale di Milano in occasione dell’esposizione Abiti da Lavoro, inaugurata nei giorni scorsi e aperta fino al 31 agosto. Avevo letto molte segnalazioni e mi aveva incuriosito una delle immagini utilizzate per promuovere l’evento, quella di una donna vestita di rosso e pois bianchi e il viso coperto da una casetta in tinta. Chissà che occupazione avrebbe rappresentato? Interessante anche l’elenco dei 40 progettisti che avevano contribuito all’esibizione: da Alberto Aspesi a Nacho Carbonell, da Elio Fiorucci ad Alessandro Mendini, da Issey Miyake a Nanni Strada ad Antonio Marras a Rosita Missoni, solo per citarne alcuni.
Hanno tutti aderito all’invito del curatore Alessandro Guerriero a inventare degli abiti da lavoro. I loro schizzi sono stati trasformati in cartamodelli dai ragazzi dell’associazione Tam-tam e quindi trasmessi ad Arkadia Onlus, dove un gruppo di persone con disabilità li ha trasformati in abiti veri e propri. Abiti da Lavoro, appunto. Interessante.
Eccomi quindi davanti alla vetrata gialla che introduce alla mostra. (altro…)

Fotografia: Lo sguardo di Olivia Gozzano

Oggi sono andata a vedere la mostra di una fotografa che ha il nome di un poeta. Olivia Gozzano è infatti la pronipote del Guido che abbiamo studiato sui banchi di scuola. La vena artistica di Olivia, forte in famiglia, ha trovato la sua espressione nelle immagini. Del resto è cresciuta nella sala di posa piazzata nella casa dove i genitori –  padre inventore e artista e madre fotografa –  realizzavano i loro lavori. Diplomarsi al liceo artistico e diventare assistente fotografa per Olivia Gozzano è stato quindi naturale.
Meno istintivo decidere di inquadrarsi in questa professione, dopo varie esperienze che l’hanno portata a fare l’attrice ma anche ad aprire una tabaccheria. “Solo quando attendevo mio figlio ho sentito l’esigenza di iniziare qualcosa di definitivo. Ho ripreso a scattare, ad approfondire  tecniche apprese quando ero assistente. Insomma, ho portato simbolicamente la sala posa che era dai miei genitori a casa mia”. (altro…)

Toh, l’arte alla Bocconi

Non sapevo che la Bocconi avesse una galleria d’arte. E che galleria! Sono andata all’inaugurazione di BAG, Bocconi Art Gallery, giunta alla sua quarta edizione.
L’invito è arrivato da un amico artista, Fabrizio Dusi, che ha realizzato una delle opere più ironiche e divertenti dell’esposizione (nella foto grande) : un’installazione gigantesca dei suoi tipici personaggi che emettono flussi di “parole”, espressive e colorate. L’ha denominata “Basta Blabla“.
Fabrizio è in ottima compagnia. A BAG sono presenti 60 artisti di tutto il mondo con oltre 100 tra installazioni, sculture, fotografie e quadri. Autori, collezionisti e gallerie prestano in comodato d’uso (e in alcuni casi donano) le opere alla Bocconi. Ci sono anche nomi di grande rilievo, come Lucio Fontana e Piero Manzoni, presenti grazie alla collaborazione con la Fondazione Antonio Calderara.  E ovviamente tanti autori più contemporanei, come Arnaldo Pomodoro, Steven Scott, Gerold Miller… Personalmente, oltre all’installazione di Dusi, mi è piaciuta moltissimo la sequenza di foto dell’artista e performer cinese Zhang Huan, che trovate nella gallery fotografica. (altro…)